Qualità

LA QUALITA’ E’ IL NOSTRO PRINCIPALE INGREDIENTE

Bresciangrana mantiene, da sempre, stretti rapporti di filiera con i propri fornitori; questo permette di conoscerne e controllarne gli ambienti, le tecnologie, le pratiche, la provenienza delle materie prime.. garantendo così la sicurezza e la genuinità dei propri prodotti.

INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA TRADIZIONE

Impieghiamo le migliori tecnologie già oggi disponibili per garantire la massima qualità del prodotto finale, buono e sano, pronto per la tavola di ogni consumatore.

12

INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA TRADIZIONE

Impieghiamo le migliori tecnologie già oggi disponibili per garantire la massima qualità del prodotto finale, buono e sano, pronto per la tavola di ogni consumatore.

12
1

GREEN

Bresciangrana, attenta alla green strategy, cura con attenzione il recupero termico delle fasi produttive abbattendo ogni spreco energetico, con riduzioni della CO2 dispersa nell’ambiente, cosi’ come fanno alcune aziende agricole conferenti utilizzando biogas per produrre energia elettrica e calore dalle deiezioni

GREEN

Bresciangrana, attenta alla green strategy, cura con attenzione il recupero termico delle fasi produttive abbattendo ogni spreco energetico, con riduzioni della CO2 dispersa nell’ambiente, cosi’ come fanno alcune aziende agricole conferenti utilizzando biogas per produrre energia elettrica e calore dalle deiezioni

1

CERTIFICAZIONI

7

La denominazione di origine protetta, meglio nota con l’acronimo DOP, è un marchio di tutela giuridica della denominazione che viene attribuito dall’Unione europea agli alimenti le cui peculiari caratteristiche qualitative dipendono essenzialmente o esclusivamente dal territorio in cui sono stati prodotti.
Dall’Articolo 2, paragrafo 1, lettera a, del regolamento UE n. 510/2006:
” […] Si intende per “denominazione d’origine”, il nome di una regione, di un luogo determinato o, in casi eccezionali, di un paese che serve a designare un prodotto agricolo o alimentare originario di tale regione, di tale luogo determinato o di tale paese, la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico, inclusi i fattori naturali e umani, e la cui produzione, trasformazione e elaborazione avvengono nella zona geografica delimitata. “

6

CSQA e’ una società di certificazione attiva nei settori dell’agroalimentare, dei beni di consumo, della ristorazione, dei servizi tecnici e professionali, della P.A e dei servizi alla persona.
Ha un ruolo di leadership a livello nazionale nei settori “agricoltura” e “alimenti e bevande”; basti pensare che il primo disciplinare per la certificazione volontaria di filiera controllata creato nel 2000, è il documento di riferimento per lo sviluppo della UNI 10939, diventata poi ISO 22005.

5

Il 30 giugno 2010 il Ministero della salute, con il Ministero degli affari esteri, il Ministero dello sviluppo economico e il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali ha sottoscritto la Convenzione interministeriale a sostegno dell’iniziativa Halal Italia, con l’obiettivo di promuovere la certificazione volontaria di qualità per le aziende italiane, che attesta la conformità alle prescrizioni religiose islamiche per i prodotti agro-alimentari, cosmetici e farmaceutici sotto il controllo del Comitato etico di certificazione halal della COREIS Italiana (Comunità Religiosa Islamica).
La promozione dell’alta qualità italiana viene garantita dalla rigorosa conformità agli standard halal internazionali e alle normative europee dei processi produttivi.

8

La registrazione come esportatore che soddisfa i requisiti di sanità previsti dalla legislazione e dalle normative italiane e cinesi viene gestita secondo le Normative per l’Amministrazione della Registrazione degli Stabilimenti Alimentari Esteri destinati alle Importazioni nella Repubblica Popolare Cinese mediante l’Amministrazione per la Certificazione e l’Accreditamento della Repubblica Popolare Cinese (CNCA).