Nel 2007 il Caseificio Rossini, per proprie esigenze di investimento e concentrazione della propria attenzione sulla produzione di formaggi molli, propose di cedere il 25% di Bresciangrana a CIPAB, che aderendo è passato ad avere il 75% delle quote. Alla fine dello stesso anno il Caseificio Rossini ha ceduto anche il restante 25%, uscendo dalla compagine sociale. CIPAB detenne pertanto, dal 2007, l’intero capitale della Bresciangrana.